CHI SIAMO

La Fondazione “Un Cuore per Milano” nasce nel 2003 su iniziativa di Maurizio Viecca, il Direttore del Dipartimento di Medicina Specialistica e dell’U.O. Cardiologia dell’Ospedale Sacco.

Nel 2004 la Fondazione viene riconosciuta con Decreto della Presidenza della Giunta Regionale Lombardia del 6 Aprile, n° 5781 e il 16 marzo 2007 iscritta al Registro Regionale delle ONLUS con numero 2008.

La Fondazione ha la sede legale a Milano, in Via Boltraffio 7 - tel. 02 60 75 791, fax 02-69 00 57 41.

La segreteria e la sede operativa della Fondazione sono presso l’Ospedale Luigi Sacco – UOC di Cardiologia - Via GB Grassi, 74 – Milano – telefono 02 3904 2477 e Fax 02 3904 2311.

Quali sono gli obiettivi della Fondazione?

1. Affiancarsi all’attività quotidiana del cardiologo contro le malattie cardiache, promuovendo iniziative per l’acquisizione di nuovi strumenti per una diagnosi e cura sempre migliori.
2. Favorire la ricerca clinica e sperimentale finalizzata alla diagnosi e all’assistenza delle malattie cardiovascolari.
3. Migliorare la qualità dei servizi di accoglienza delle strutture ospedaliere, allineando i locali e gli arredamenti agli standard più elevati del comfort e della privacy.
4. Offrire al cittadino i necessari supporti educazionali e promuovere cultura sul territorio per imparare a prevenire le malattie cardiovascolari.

A questi obiettivi tipicamente medici, la Fondazione ha affiancato anche quello di promuovere la trasparenza amministrativa e nella gestione della Sanità pubblica. Infatti, la Fondazione dal 2005 ha iniziato a promuovere iniziative per difendere e diffondere la cultura di una Sanità pubblica efficace ed efficiente che miri ad ottimizzare in modo trasparente le risorse esistenti e a soddisfare le esigenze del cittadino.

Per tutto questo, la Fondazione si rivolge:

• A tutti, bambini e adulti
• A chi non ha mai avuto problemi cardiovascolari
• A tutti gli Italiani che hanno almeno 1 fattore di rischio cardiovascolare, come l’ipertensione arteriosa, l’iipercolesterolemia o il diabete mellito
• A coloro che soffrono di angina pectoris, di scompenso cardiaco cronico o di aritmia o che hanno avuto un infarto miocardio

SEGUICI SU FACEBOOK